<<back

 

TSUNAMI

Forse stanco
forse arrabbiato
per la sorte
che riservarono al figlio
o solo distratto dai preparativi
del compleanno
perse d'occhio il rivale
giocoso negli inferi
bizzarro e sempre intento
a gettare scompigli
per accumulare bestemmie
confezionare sconforti
fatto sta che con impeto
diede un calcio alla palla
furioso diede i pesci alla terra
gli uomini al mare
entrambi sorpresi
con violenza morirono
nel posto sbagliato
con bocche aperte
e sorrisi di morte
in cerca di una lama
di ossigeno

Un avvoltoio col dono del volo
si lamentÚ per le carogne di sempre
aggrappate con unghie
alla scorza del mondo
prive di vitamine
cadono prima
per il solito pasto
di un eterno mený
privo di ogni leccornia
che a lungo andare
cede il posto alla nausea
all'indignazione
delle superstiti voci
allenate al lamento
-----------------------------------------
 

Michael Santhers - dal volume:Soste precarie

back to top
 

MICHAEL SANTHERS POETA