<<back

 

TRENI D'AGOSTO

I treni stirano la schiena
offerta dal diavolo
a
emigranti forzati
che contano le costole di ferro

Stipate le anime
in
fila per la collocazione
mentre gli occhi bevono
pianure

Alle fermate
pagano con sgomento
il dazio di Caronte
al cerchio giusto

Piedi a
terra
respiro profondo
che non smuove la pallina
di roulette del
destino
giÓ compreso nel viaggio

L'enigma Ŕ statico
si srotola la vita
come pelle trasportata
per la concia
---------------------------
Michael Santhers-da:Voci scomode

 

back to top
 

MICHAEL SANTHERS POETA