<<back

 

 

ANOMALI ATLETI

Attempati atleti
del dopolavoro
corrono tra scie
di
velenose ciminiere
in cerca del podio
che consegna
l'elisir di lunga
vita
poi si guarderanno
in uno specchio baro
come pavoni in un fossato
mosso dal soffio di vento
del loro batter d'ali vanitoso
e che non da
nitido
splendore
in rughe d'acqua

Insoddisfatti
perchŔ il tempo
incolla le sue rughe
anche quando corri
anzi si somma alle fatiche
allora dico io
a questi strani atleti
che corrono per niente
ma
passeggiate solamente
in una campagna silenziosa
andando incontro
all'infinito
che troverete nel pensiero
osservando le bellezze del
creato
che vi siete persi nelle galere
degli uffici
Ŕ quello l'elisir
per il cuore
e non tre quarti d'ora
come vecchi cavalli inseguiti
da
una frusta
con lo sguardo in mezzo
a paraocchi
sol sudore ormai
raro
olio di cuoio
che unge le ilaritÓ di finti
......
applausi.................
---------------------------------
Michael
Santhers-da:Voci scomode


 

back to top
 

MICHAEL SANTHERS POETA