<<back

 

 

TURISTI

Coi piedi
sulle ali della vita
ciechi alle realtà
che incontrano
corrotti a ciò
che vogliono vedere

Scambiano mani tese
per souvenir
vedono solo fiori
rigogliosi profumati
ignorano che coprono
abbondante letame

Tra i vicoli
litanie di lamenti
è per loro
melodiosa canzone
che li accompagna
al ristorante..etnico
pesce fritto al sudore
..odore di sale e mare

Fuori
un gatto torna dallo sconfino
si dilegua ai ratti...ammaestrati?
..la fame fantasia di scrittori
per alimentare favole

Turisti
capaci di elogiare le altrui miserie
in privilegi...folclore
delizie d'anima
per i ricordi al ritorno
------------------------------------
Da:Vetriolo


 

back to top
 

MICHAEL SANTHERS POETA