<<back

 

CONCERTOX

Nel silenzio
che brucia i respiri
in prima fila
ristagnano luci
sui volti di cera

Il tenore
ha un piede su un trespolo
e caccia un dito di bocca
per misurare il calore del pubblico
poi parte col canto
...lÓ...lÓ...
....vulcano Ŕ l'anima
all'improvviso si desta
pu˛ uccidere e dare spettacolo

Il maestro
elettrizza l'orchestra
s'arresta
vibra la bacchetta
trafitta dalle mire di nasi
tremano poche mascelle sui visi
non il tuo signora
con la faccia di pietra
con l'anima muta
che nel sogno di avere
la tua calda pelliccia
di visone ignor˛ del tutto
anche quel tremolio e urlo di morte
di carne viva scuoiata
e mai scalfý e perturb˛
il tuo muscolo a pugno
che porti nel petto
figuriamoci se solo pu˛
percepire semplici suoni
all'aria vaganti
casomai imbalsamerai alla vanitÓ
la tua faccia di troia
e alle ricorrenze
sciolto alla catena dei nervi
donerai una sfilata di denti
chiamata dai popolani
......sorriso.....................
----------------------------------
Michael Santhers-da:Vetriolo
 

back to top
 

MICHAEL SANTHERS POETA