<<back

 


RADIO VATICANO

 

Voce dall'etereo

e condanni la voglia di un minuto

che punisce il ventre da tre mesi

un incombro da sbarazzo

nelle discariche del mondo

ma....

a te bastano sermoni

scopano le antenne

vanno nelle case

accolti da

quattro geroglifici di mano

circo alla fronte

mano sulle labbra

e Dio va in silenzio

 

Nella rada pianura

di alberi di ferro

la morte una faina

corre al sangue caldo

liscia i tetti e

muta il miele della voce

in pece

si incollano le vite

alla tecnologia

 

Tu che ti professi padre

lontano dalle cosce trappole

che hai distribuito

spegni quella radio

che fa eco col rimbalzo

delle onde del male

su quel bambino calvo

che manco nato gi hai chiesto

in sacrificio i germogli

sul pensiero chiuso

 

Ma forse per te la voce

fa perdere una pecora

e manda un'intero gregge

nella staccionata

dove facile il controllo

...........amen.....................

---------------------------------------------

Michael Santhers-da:Vetriolo

 

back to top
 

MICHAEL SANTHERS POETA