<<back

 

 

LA PECORA

 

Sono la madre

dell'angelo di Dio

il vostro sacrificio

indolore

al facile rito

sulla pelle degli altri

 

Mai ricompensa accetterò

per dimenticare

il solletico della lana nel ventre

pretendo solo l'oblìo

e invece no con rincaro allo strazio

mi ponete ad esempio

di chi segue

negligenze di masse

consigliate a portare

al fosso labili idee

ma io non gioco al pallone

non vedo la televisione

un cuoio gonfiato

e una scatola finta a magia

esche a pilotare soavi

mediocri ignoranti

per noi il gregge è

armonia solidarietà

a difenderci

dal lupo che prega

----------------------------------------

Michael Santhers-da:Vite tremule

 

back to top
 

MICHAEL SANTHERS POETA